Commenti

Comitato di Quartiere
Insieme per acquassanta
insieme.fabiano@libero.it

Ponente costiero (Acquasanta, Marola, Cadimare)
Comitato di Quartiere 
“Insieme per Fabiano"
  Tel. 0187/24873
  Cell.3703157877 

Egr. Vicesindaco
Arch. Cristiano RUGGIA
COMUNE DELLA SPEZIA

Oggetto: —Elencazione,per titoli,degli interventi che il Direttivo del Comitato scrivente ritiene possano essere compresi nel nuovo Piano Urbanistico Comunale, alcuni dei quali già evidenziati in elaborati consegnati alla S.V.in data 24 Ottobre 2014.

1)—CANALE LAGORA — SEZIONE MAROLA—BUGGI.
Riqualificazione dell’alveo,come realizzata nel tratto a valle,lungo V.le Fieschi; asporto dei fanghi;ampliamento del passaggio in uscita sulla curva dei Buggi;ripristino della funzionalità della vasca di contenimento,mediante svuotamento controllato e periodico;abbassamento della parete a valle della vasca per consentire il deflusso delle acque.

2)—INCROCIO V.LE FIESCHI—VIA DELLE 5 TERRE—FABIANO BASSO.
Ampliamento della carreggiata a senso unico,direzione La Spezia,mediante recupero dell’area a scarpata verso il canale, con muro di contenimento,utile anche a fini di sicurezza e decoro urbano.
Detto intervento permetterebbe una qualificazione dell’area più adeguata al traffico in continuo aumento tutto l’anno,sia per l’incremento abitativo che per il flusso turistico.
Ampliamento della doppia carreggiata,a senso unico,in direzione Portovenere—Litoranea e Fabiano,strozzata all'ingresso dallo spartitraffico a verde.

3)—PISTA CICLABILE ED AREE VERDI ANNESSE.
a)—Percorso ginnico attrezzato nell'area a prato(a fianco de campi da tennis) ad uso pubblico;
b)—Arredo con tavoli,panche fisse,barbecue e piccola struttura per alloggio materiali, nell'area più piccola (sotto la Casina Rossa), gestita dal comitato scrivente,ad uso della popolazione di Fabiano;
c)—Piantumazione di verde,lungo la pista ciclabile,dove mancante,1ato Via dei Pioppi recupero ad uso pubblico dell’area verde fra Via dei Pioppi e la pista ciclabile, con accesso da V.le Fieschi;
d)—L’area giochi e la piazza finale della ciclabile è vissuta dagli abitanti di Fabiano come unica opera positiva realizzata negli ultimi quarant'anni,pur tuttavia la collocazione fra due strade ad alta percorrenza suggerisce la necessità di opportune opere a garanzia della sicurezza sia dei bambini che per chi transita con veicoli;
e)—Recupero e riqualificazione dell’area posta a ridosso del Bocciodromo ENDAS dalla parte finale del canale Lizza alla piccola area verde contigua alla piazza,questa ultima,in quota con la Via del]25 Terre, definita con muro di contenimento e cancellata,potrebbe ospitare una struttura di accoglienza ed informazione,dotata di servizi igienici, per i turisti che transitano per le 5 Terre e l’area Parco; l’area che circonda su tre lati il Bocciodromo é degradata e pericolosa oltre che gravata da problemi igienico—ambientali derivanti dal canale Lizza(tratto finale).
La scarpata che confina con Via delle Cave,se definita con muro di contenimento e conseguente riempimento,consentirebbe di ricavare una piccola area di sosta,importante,vista la concentrazione di servizi nella parte finale di Via Paverano(Farmacia, Bar , Macelleria commestibile);
Anche il varco sottostante la Litoranea confinante con il Bocciodromo,versa in condizioni di degrado dovute ad improprie frequentazioni notturne,appare opportuna chiusura a cancellata mobile.

4)—PIAZZETTA DI VIA S.A.M. GIANELLI CONFINANTE CON IL N.C.l3.
Nell'ottobre 2014 il Comitato di Quartiere ha presentato un’ipotesi progettuale per la riqualificazione della piazza da destinare a luogo di incontro e relazione,condivisa da molti residenti ed accolta con parere favorevole dagli Assessori che ne hanno presa visione senza che ne sia stato dato seguito nemmeno a livello di comunicazione con conseguente disagio del Comitato verso la popolazione coinvolta.

5)—RIQUALIFICAZIONE DEL “CAMPETTO” DI VIA PAVERANO.
Come da accordi intercorsi il Comitato ha promosso un sondaggio pubblico per definire la destinazione d’uso del campetto nel corso di una prossima assemblea con l’Amministrazione Comunale. La realizzazione degli interventi indicati ai N° 4) e 5)della presente nota sono ritenuti prioritari da questo Comitato,impegnato a dare riscontri positivi alla comunità di Fabiano.

6)—MONITORAGGIO ED EVENTUALI OPERE DI CONSOLIDAMENTO NELLA FASCIA COLLINARE SOVRASTANTE IL QUARTIERE DI FABIANO,LUNGO I CORSI D’ACQUA E GLI ARGINI CONFINANTI CON LA STRADA CHE CONDUCE ALLA LIZZA.
Come noto i cambiamenti climatici in atto stanno determinando fragilità dei terreni collinari ed aggravano contemporaneamente le già precarie condizioni dei corsi d’acqua e degli argini di strade secondarie,spesso prive di barriere protettive ed aperte su terreni scoscesi,come nel caso della via che conduce alla Lizza.
Lungo il canale movimenti franosi dell’alveo determinano caduta di massi e ramaglie che generano effetti diga degni di attenzione.
Per quanto riguarda il territorio di Fabiano Basso,in relazione alle abbondanti piogge, appare utile segnalare l’aggravarsi del dissesto di strade,scalinate ed aree verdi scoscese,in prossimità di fabbricati.
Per quanto sopra un esempio tangibile va riferito alla scalinata che costeggia l’edificio della Scuola Elementare ed al ballatoio antistante la ex sede della l Circoscrizione (Via S.A.M. Gianelli,44)lungo la scalinata si notano distacchi lungo il muro perimetrale oltre che dissesti degli scalini in pietra; anche il ballatoio indicato é interessato da progressivo inclinamento verso la sottostante Via Gianelli,separata dall'immobile da un’area verde,molto inclinata e contenuta da muro che insiste sulla strada stessa. La scala di accesso al ballatoio,lato BAR KAOS,é visibilmente staccata dal muro perimetrale dell’edificio e pendente verso la strada sottostante.

7)—MONITORAGGIO ED EVENTUALE POTATURA DEI GRANDI ALBERI CHE INSISTONO SU AREE DI PUBBLICA UTILITA’

8)—STUDIO TECNICO DI FATTIBILITA’ PER LA REALIZZAZIONE DI UNA STRADA IN USCITA,CON SBOCCO SULLA LITORANEA,DI SERVITU’ PER LE FRAZIONI FABIANO BASSO E LIZZA.
Sottolineando l’evidenza di quanto l’unico ed angusto varco di entrata ed uscita che serve le Frazioni di Fabiano Basso e Lizza non sia rispondente ne’ all'esigenza del traffico,in costante aumento,né a termini di sicurezza,appare urgente lo studio del territorio atto ad individuare la possibilità di soluzioni alternative anche a garanzia di una migliore vivibilità nel Quartiere di Fabiano Basso,lasciato crescere negli insediamenti abitativi lungo la fascia collinare senza valutare la necessità di adeguamento della viabilità e dei servizi indispensabili per la popolazione.

9)—STUDIO TECNICO DI FATTIBILITA' PER VERIFICARE LA POSSIBILITA’ DI AMPLIARE IL VARCO DI INGRESSO ED USCITA CHE SERVE LE FRAZIONI DI FABIANO BASSO E LIZZA.
Fatta salva la conservazione del “Ponte” (passaggio pedonale),riferimento storico ed affettivo nella memoria di molti abitanti,va rilevato che il forte incremento del traffico veicolare e l’immissione nell'area dell’incrocio,gravata da scarsa visibilità, sono causa e rischio di frequenti incidenti.
E’ opinione diffusa che la situazione potrebbe migliorare se il varco fosse più largo e consentisse una visuale più ampia; sarà gradito un parere tecnico in merito.

10)—VASTA AREA VERDE COLLINARE A RIDOSSO DELLA SCUOLA MEDIA “F.LLI INCERTI”, VERIFICA SULLA DESTINAZIONE D’USO E LA POSSIBILITA’ DI ESPROPRIO PER PUBBLICA UTILITA’.
L’appezzamento indicato (che risulta essere di proprietà della Società EDIL FAVARO) versa da anni in stato di abbandono. Si ravvede l’opportunità di accertarne la destinazione e valutare la possibilità di esproprio a fini di pubblica utilità: es. area verde attrezzata;orti pubblici ecc.

11)—PROPOSTE DI UNA GIOVANE IMPRENDITRICE GIA’ TITOLARE DI UN NEGOZIO ALIMENTARE.
La Sig.ra Paola PIERONI dichiara disponibilità, previo autorizzazione,a gestire un piccolo punto di ristoro chiosco)posto a margine della piazza finale della pista ciclabile,a servizio dei fruitori della stessa e del Quartiere,con modalità da, eventualmente, concordare con l'Amministrazione.

La Spezia, lì 30/05/2015

Per il Consiglio Direttivo
     Il Presidente 
     Maria Bottari